#IODONO: il punto sulla raccolta fondi - Comune di Sala Baganza

archivio notizie - Comune di Sala Baganza

#IODONO: il punto sulla raccolta fondi

#IODONO: il punto sulla raccolta fondi

#IODONO: il punto sulla raccolta fondi

Il Comune di Sala Baganza, come tantissimi altri Comuni d’Italia, e insieme agli altri comuni dell’Unione Pedemontana Parmense, durante la fase più acuta della pandemia ha lanciato una raccolta fondi attraverso un conto corrente comunale solidale per far fronte ai bisogni determinati dall’emergenza covid19.

 

Tanti singoli cittadini e associazioni della comunità salese hanno aderito alla raccolta fondi e la quota raccolta finora ammonta a 17.300 euro. In particolare, hanno dimostrato la loro generosità il Circolo anziani “Ivo Vespini”, il Gruppo Alpini, AVIS comunale, la Pro Loco.

 

L’assessore alla sanità e servizi sociali Giuliana Saccani spiega che il Comune di Sala Baganza ha scelto di concentrarsi principalmente sulle famiglie che si trovano in un momento di difficoltà anziché erogare contributi direttamente alle aziende in quanto il Governo sta già intervenendo a favore di queste ultime con l’importante pacchetto di misure contenuto nel “Decreto rilancio”.

 

Per raggiungerle le famiglie e le persone attualmente bisognose, l’Amministrazione ha utilizzato l’importante lavoro dell’Azienda Pedemontana Sociale che, attraverso gli sportelli presenti in ciascun Comune dell’Unione, ha gestito l’istruttoria per la raccolta delle necessità e l’erogazione dei contributi.

 

Un primo dato che emerge, è che a richiedere i contributi sono state per lo più persone e famiglie che prima della pandemia non si erano mai rivolte agli sportelli sociali: il 90% dei richiedenti buoni spesa erogati in aprile erano infatti sconosciuti ai Servizi Sociali e, di questi, il 40% continua ad accedere allo sportello sociale anche dopo la fine del lockdown. Accanto a loro, si assiste anche al perdurare di difficoltà in soggetti fragili che già in precedenza avevano avuto bisogno di  rivolgersi all’Azienda.

                                                              

Guardando più nel dettaglio ai dati, il Comune di Sala Baganza nel periodo gennaio-maggio 2020 (emergenza covid19) ha erogato a favore delle famiglie 16.024 euro (a fronte di contributi pari a 7.139 euro nel periodo gennaio-maggio 2019).  A questa somma si aggiungono 30.170 euro in buoni spesa emergenza covid19 (arrivati dallo Stato ai Comuni) erogati nel mese di aprile 2020 a 86 famiglie del territorio salese che hanno presentato richiesta per sopraggiunte difficoltà economiche causate dalla pandemia.

 

“Innanzitutto, un GRAZIE di cuore – sottolinea Giuliana Saccani - a tutti coloro che, potendo, hanno aderito alla raccolta fondi: tutto è preziosissimo per chi più ha subito gli effetti della pandemia. In questo modo tutta la comunità è vicina alle famiglie più in difficoltà. Ci auguriamo che anche il lavoro riprenda in modo da poter dare il giusto reddito”.

 

La comunità può fare molto anche senza donare direttamente soldi: “La nostra preoccupazione è per le imprese medio-piccole artigianali e commerciali: speriamo che trovino il respiro per una adeguata ripresa. Sicuramente noi possiamo impegnarci ad incentivare le attività del territorio servendoci delle attività di vicinato: pratica che forse abbiamo riscoperto durante la pandemia”.

Un ringraziamento va anche alle attività alimentari che stanno offrendo prodotti: questo permette di intensificare l’opera di distribuzione dei pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà, un’azione svolta in sinergia fra Parrocchia e Pedemontana Sociale.

 

Infine, ma certamente non ultimo per importanza, Giuliana Saccani rivolge un ricordo e un pensiero particolare a chi ha pagato con la propria vita gli effetti del covid19 e alle loro famiglie.

Troppi hanno lasciato la nostra comunità, per questo dobbiamo essere consapevoli di non sottovalutare le norme igieniche che ci sono richieste ancora oggi, con la consapevolezza che il virus ancora circola e le precauzioni che stiamo tenendo ci aiutano a contrastarlo”.

 

La dura prova dei mesi passati vede gli operatori e gli amministratori impegnati nel cammino di ripresa di tutti i servizi. A tal proposito, l’assessore ricorda a tutti i cittadini che è possibile partecipare al “Questionario alla popolazione"  compilabile online,  tramite il quale i Comuni dell’Unione Pedemontana mirano a raccogliere un  resoconto di questo periodo di emergenza e idee per costruire il futuro delle nostre comunità.

Infine, se si vuole e si può si può , è possibile ancora donare sul conto corrente aperto presso l’Istituto tesoriere, Cariparma di Parma e Piacenza – Crédit Agricole- codice IBAN IT21C0623065891 000057397319.

Per poter usufruire della detrazione d’imposta, prevista sia per le persone fisiche sia per le imprese, è necessario indicare nella causale di versamento, oltre al codice fiscale del versante, la dicitura “Emergenza Covid 19”.
 


Pubblicato il 
Aggiornato il