Torrente Scodogna, finanziati nuovi interventi per la sicurezza idraulica - Comune di Sala Baganza

archivio notizie - Comune di Sala Baganza

Torrente Scodogna, finanziati nuovi interventi per la sicurezza idraulica

Torrente Scodogna, finanziati nuovi interventi per la sicurezza idraulica

Torrente Scodogna, finanziati nuovi interventi per la sicurezza idraulica

Continuano gli interventi per aumentare la messa in sicurezza del torrente Scodogna, protagonista nel 2011 di una piena che provocò danni e la morte di Agostino Galeotti nella frazione salese di Talignano.

Il primo stralcio di lavori, che si erano conclusi nel settembre dell’anno scorso, aveva interessato un tratto lungo 200 metri del torrente a monte e a valle del ponte su via Olma, una delle zone più popolate della frazione salese e delicata dal punto di vista idraulico.

L’intervento, finanziato con 110mila euro di cui 100mila erano arrivati dalla Regione e 10mila dal Comune di Sala Baganza, aveva al raddoppio della portata dello Scodogna. Stralcio che però, assicurarono gli amministratori regionali e il sindaco di Sala Baganza Aldo Spina, sarebbe stato soltanto l’inizio di altri interventi. E così è stato: lo scorso 20 gennaio, la Giunta regionale ha infatti approvato il “Piano degli interventi per l'esecuzione delle operazioni essenziali di emergenza e recupero”, in cui sono previsti nuovi lavori, per un totale di 200mila euro provenienti dal Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea, con l’identico obiettivo di aumentare ulteriormente la portata in altri tratti dell’asta del torrente.

I lavori, così come indicato nel piano regionale, dovranno essere affidati dal Comune di Sala Baganza entro 90 giorni e si dovranno concludere entro il 20 gennaio del 2021.

«L’approvazione di questo nuovo finanziamento per mettere ulteriormente in sicurezza lo Scodogna ci riempie di soddisfazione – commenta il primo cittadino di Sala Baganza Aldo Spina –. Soddisfazione che deriva dal grande supporto ottenuto. Supporto che è il frutto di un importante lavoro di squadra che vede le istituzioni e i cittadini collaborare assieme per garantire a una maggiore sicurezza a tutta la comunità».


Pubblicato il 
Aggiornato il