Felino e Sala: dimezzate le rette al nido - Comune di Sala Baganza

archivio notizie - Comune di Sala Baganza

Felino e Sala: dimezzate le rette al nido

Felino e Sala: dimezzate le rette al nido

scuola

Mandare i propri bambini all’asilo nido in Emilia-Romagna, per le famiglie di Felino e Sala Baganza con un ISEE tra i 4.500 e i 26mila euro costerà la metà (per quelle con un ISEE fino a 4.999 euro l’esenzione è già totale).
Un sostegno economico reso possibile dalla misura “Al nido con la Regione”, con cui l'ente emiliano-romagnolo ha stanziato 18,25 milioni di euro a favore dei comuni dove hanno sede i servizi per l’infanzia da 0 a 3 anni.

Di questi, oltre 57mila euro permetteranno di dimezzare le rette del Nido intercomunale di Felino-Sala Baganza “La Rondine” e del Micronido “Arcobaleno”.

Il criterio adottato dalle Amministrazioni di Felino e Sala Baganza prevede, nel dettaglio, l’applicazione di una quota di abbattimento pari al 43% in acconto, per arrivare, a conguaglio, ad una riduzione complessiva del 50 per cento.

Per l’assessore ai Servizi educativi felinese Patrizia Tondelli, «si tratta di una manovra veramente importante che impatterà favorevolmente sul bilancio delle famiglie e che si aggiunge alla scelta effettuata dalle Amministrazioni di Felino e Sala Baganza di destinare oltre 47mila euro del “Fondo nazionale per il sistema integrato di educazione e istruzione” del 2017 per la riduzione delle tariffe del nido nell’anno educativo 2017/2018. Le due amministrazioni – prosegue – hanno inoltre deciso di stanziare 10mila euro provenienti dal “Fondo nazionale per il sistema integrato di educazione e istruzione” del 2018 per la riduzione tariffaria a favore delle famiglie con ISEE superiore a 26.000 euro, che non possono beneficiare dei fondi regionali».
Soddisfazione per la misura regionale è stata espressa anche dall’assessore alle Politiche sociali del Comune di Sala Baganza Giuliana Saccani. «L’abbattimento delle rette è una scelta determinante nell’ottica delle politiche per la famiglia – afferma Saccani –: favorisce l’accesso al servizio rispondendo non solo alle esigenze lavorative dei genitori, ma anche al bisogno di una crescita educativa del bambino. Il nido rappresenta infatti un momento importante di socializzazione e sollecitazione, che getta le basi per l’apprendimento. Ringraziamo la Regione Emilia-Romagna, che sta investendo risorse a favore delle famiglie – conclude l’assessore salese –, un segnale importante per lavorare insieme credendo nel futuro».


Pubblicato il 
Aggiornato il