Open      

Il Parco Giochi diventa il “Parco della Felicità”

Il Parco Giochi diventa il “Parco della Felicità”

Gli alunni delle scuole elementari e medie salesi prima lo hanno pensato e progettato insieme al Comune. Poi, con l’aiuto di Conad, che lo ha finanziato lanciando una raccolta punti nel suo ipermercato di Felino, quei disegni sulla carta hanno preso vita, diventando un punto di riferimento per l’intera comunità. E nella mattinata di giovedì 6 giugno, a un anno e un giorno dalla sua inaugurazione, gli stessi ragazzi gli hanno dato il nome: “Parco della Felicità”.

Stiamo parlando dell’area giochi che sorge ai piedi della Rocca Sanvitale di Sala Baganza, a fianco del Giardino Farnesiano,su un’area di 1000 metri quadrati. Un’area nata da una collaborazione virtuosa tra Amministrazione comunale, Istituto comprensivo “Loris Malaguzzi” e Conad, che esattamente come un anno e un giorno fa, è stata “invasa”dagli alunni salesi, per svelare la targa che ne porta il nome, insieme alle regole da rispettare per chi lo frequenta e ai disegni dei ragazzi che ne ricordano la genesi e il momento del taglio del nastro.

E come un anno e un giorno fa, all’intitolazione non potevano mancare il sindaco Aldo Spina, i rappresentanti dell’Istituto comprensivo, la direttrice del punto vendita felinese di Conad, Rosaria Cattini, e Veronica Corchia, responsabile relazioni esterne del gruppocooperativo. Così come non poteva mancare Cristina Muzzi, la responsabile dell’Area Lavori Pubblici del Comune di Sala Baganza che ha pazientemente seguito i ragazzi per tradurre in un progetto vero e proprio le loro idee.

«Questo è un momento di grande gioia – ha esordito il primo cittadino – I ragazzi hanno svolto ancora una volta un lavoro di grande qualità: per trovare il nome giusto si sono confrontati sulla storia locale della comunità salesema anche su altre ipotesi, legate a idee e stati d’animo. Così hanno deciso di chiamarlo “Parco della Felicità” e penso sia l’intitolazione più adatta, perché restituisce bene l’idea che hanno maturato nell’approccio a questo spazio. Ma non solo: questo nomericorda quanto si sta facendo a livello mondiale, e penso all’Onu, per riportare al centro il benessere e la qualità della vita di una comunità».

Il “Parco della Felicità”, poi, continuerà a crescere, ha assicurato il sindaco: «Questo è quello che la didattica definisce un “progetto di continuità” e anche quest’anno i ragazzi hanno sviluppato altre idee che, grazie sempre a Conad, porteranno, tra qualche mese, all’installazione di altri giochi».

Cattini ha sottolineato come alcune foto del parco giochi siano state inserite nel video presentato all’assembleadei soci Conad Centro Nord, «a testimonianza di quanto sia importante per noi questo progetto e di quanto siamo contenti di avervi partecipato. Noi di Conad ci siamo e ci saremo – ha concluso la responsabile del punto vendita felinese – perché crediamo che la collaborazione tra pubblico e privato sia importante per la crescita delle nostre comunità».

La progettista dei ragazzi, Cristina Muzzi, ha voluto invece soffermarsi sul senso del cartello, che oltre a contenere il nome e le regole da rispettare, racconta la storia del “Parco della Felicità”. Una storia da custodire e tramandare che«non deve essere dimenticata». Una storia che continua.

Pubblicato il giovedì 13 giugno 2019
Aggiornato il mercoledì 12 giugno 2019