Open      

Sala Baganza: 740 mila euro per il welfare

sociale

Settecentoquarantamila euro per aiutare i più deboli, per non lasciare indietro nessuno.
A tanto ammontano i fondi stanziati quest’anno da Azienda Pedemontana Sociale per il territorio di Sala Baganza, di cui 619mila euro coperti dai trasferimenti del Comune salese stesso, destinati a sostenere gli interventi socio-assistenziali e socio-sanitari a favore di anziani, famiglie, minori, persone con disabilità, adulti in condizioni difficili, soprattutto economiche.

Interventi realizzati attraverso servizi sempre più di qualità con progetti innovativi come Puzzle e Scuola di Autonomia orientati sul “dopo di noi”, Staff in grado di offrire assistenti familiari formate.

Nei suoi primi dieci anni di vita l’azienda del welfare dei comuni dell’Unione Pedemontana Parmense (Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo) ha visto raddoppiare il numero degli utenti che oggi sfiora le tremila persone.

Scendendo nel dettaglio, oggi i salesi in carico a Pedemontana Sociale sono 317, di cui 158 anziani, 30 persone con disabilità, 29 adulti in difficoltà e 100 minori. Quarantadue, invece, quelli che utilizzano il Taxi Sociale, servizio di trasporto per chi ha problemi di mobilità o necessita di accompagnamento.

Gli investimenti verranno naturalmente suddivisi in base alle necessità emerse dal territorio.

Di questi 214mila euro saranno destinati ai minori, di cui 100.000 euro serviranno per l’assistenza scolastica. Per l’assistenza ai disabili sono stati messi a disposizione 115mila euro, per garantire il Servizio dei Centri Diurni e l’assistenza anziani 100mila euro, altri investimenti saranno destinati alle persone adulte e nuclei familiari in difficoltà economiche, mentre per il Taxi Sociale e i progetti speciali sono stati stanziati, rispettivamente, 28mila e 23.600 euro. Per quel che riguarda i progetti speciali, Sala Baganza conta oggi la prima badante di condominio arrivata grazie all’attivazione del progetto STAFF, lo Sportello Territoriale Assistenti Familiari e Formazione, attivato in tutti i comuni dell’Unione e del Distretto Sud Est.
Circa 200mila euro serviranno infine per le spese generali e per garantire il funzionamento dello Sportello sociale salese in via Del Mulino.

«Le nostre politiche sociali sono impegnate a favorire e rafforzare il senso di comunità, che si concretizza nella risposta a quelli che sono i reali bisogni del territorio – afferma l’assessore alle Politiche sociali di Sala Baganza Giuliana Saccani –. Quest’anno, dopo un’accurata analisi previsionale condotta insieme a Pedemontana Sociale, abbiamo incrementato le risorse soprattutto per rafforzare le aree “minori” e “disabili”, che registrano una maggiore richiesta di interventi. Ci tengo ad evidenziare come il nostro obiettivo sia comunque quello di favorire una rete nella comunità territoriale – prosegue Saccani –, promuovendo adesioni a servizi importanti attivati da Pedemontana Sociale, come l’affiancamento familiare “Una famiglia per Una Famiglia” e l’Affido, la cura dell’anziano presso il proprio domicilio come l’esperienza della badante di condominio in servizio nel complesso di edilizia residenziale pubblica “Gombi” con alloggi destinati ad anziani autosufficienti. È sempre più importante – conclude l’assessore al welfare – lavorare sulla qualità della prevenzione in modo da arginare interventi più gravosi e complessi in situazioni di emergenza».

Pubblicato il lunedì 4 marzo 2019
Aggiornato il giovedì 14 marzo 2019