Open      

Ecco il parco giochi progettato dai ragazzi



Martedì 5 giugno è stato inaugurato a Sala Baganza un nuovo parco giochi incastonato come un gioiello a fianco del Giardino Farnesiano, in un’area verde protetta dove i bambini e i ragazzi possono divertirsi in modo sicuro.

Un parco giochi molto speciale, perché a progettarlo sono stati proprio gli alunni delle scuole elementari e medie di Sala Baganza, grazie a una collaborazione tra Amministrazione Comunale, Istituto Comprensivo e Conad, che ha finanziato le attrezzature con i punti spesi del punto vendita di Felino.

E la risposta della comunità è stata straordinaria, con 300 mila punti raccolti che hanno permesso di raccogliere oltre 30 mila euro per l’acquisto dei giochi, mentre il Comune ne ha investiti altri 18.000 per la sistemazione dell’area, dove sono stati messia dimora alberi, panchine e a breve verranno installate la recinzione e una fontana.

All’inaugurazione hanno preso parte 300 dei piccoli progettisti della scuola primaria e secondaria, che hanno subito effettuato il “collaudo” della loro grande opera, terminato con una gustosa merenda. Ed è stato il momento dei ringraziamenti tra tutti i protagonisti nella realizzazione di quello che il sindaco salese Aldo Spina ha definito un «sogno che continuerà», perché è già prevista una nuova fase di progettazione che inizierà il prossimo anno scolastico, con l’ampliamento dello spazio e altri giochi, sempre grazie all’aiuto di Conad (la raccolta punti prosegue).

Il sindaco ha ringraziato Conad e l’Istituto Comprensivo, rappresentato dalla dirigente Gloria Cattani, che ha voluto sottolineare come a Sala Baganza ci sia una comunità sensibile alle esigenze della scuola.

Presente naturalmente anche Rosanna Cattini, direttrice dell’ipermercato Conad felinese che ha espresso la sua soddisfazione nell'aver contribuito a questa iniziativa.

Cristina Muzzi, l’architetto del Comune di Sala Baganza che ha affiancato i giovani progettisti, ha spiegato le varie tappe del percorso che ha preso il via all’inizio dell’anno scolastico, precisando come i ragazzi stessi abbiano pensato ad un’area accessibile a tutti, sicura, dotata di fontana, illuminazione e di una rastrelliera per biciclette. E sono stati loro a scegliere i giochi, tra i quali la “caravella” e la “funicolare”.

A chiudere la cerimonia prima del “collaudo” non poteva che essere il sindaco dei ragazzi Giacomo Brandolini che ha sottolineato come l'attività della progettazione sia stata molto istruttiva e coinvolgente.

Pubblicato il giovedì 7 giugno 2018
Aggiornato il giovedì 28 giugno 2018